NF 1/2018 - Accounting & Audit

Se gli IFRS sono indirizzati prevalentemente alle società quotate in mercati regolamentati, gli IFRS per le SMEs (small and medium enterprises) sono stati elaborati per le società di proprietà privata che hanno deciso di redigere i propri bilanci secondo gli IFRS. Al momento gli IFRS per le PMI sono utilizzati in oltre 70 paesi.

Nell’elaborazione di questo set di principi è stato adottato un approccio costi-benefici per garantire che le parti interessate ricevano comunque informazioni finanziarie di alta qualità, senza appesantire le aziende eccessivamente rispetto alle richieste di reporting finanziario.

Rispetto al set integrale degli IFRS, gli IFRS per le PMI hanno diverse semplificazioni. Fra tutte, degli standard semplificati, che rendono il documento più facile da comprendere e seguire, e un numero inferiore di informazioni sul bilancio.

I modelli, inoltre, omettono una serie di temi previsti nel set completo di IFRS che non sono considerati rilevanti per le esigenze delle PMI, tra cui:

  • informativa sui segmenti
  • reporting intermedio
  • utile per azione
  • attività detenute per la vendita.

Gli IFRS per le PMI prendono maggiormente in considerazione il criterio costo / beneficio in relazione all’applicazione del fair value.

Sono state, infine, introdotte numerose esenzioni che permettono ad una società di non applicare il requisito previsto nello standard se ne deriva un eccessivo costo/sforzo per applicarlo, tale da superare significativamente il beneficio che gli utenti avrebbero ricevuto dalle informazioni omesse.