Generic illustration

Buona notizia per le PMI Innovative iscritte all’apposita sezione speciale della CCIAA. È Improntata alla semplificazione e al buon senso la lettera Circolare del MISE (PROT. 275367 DEL 4/12/2020) che chiarisce come, ai fini del requisito della certificazione del bilancio per l’iscrizione e la permanenza nella sezione speciale in questione, lo stesso requisito possa ottenersi affidando tale funzione al collegio sindacale che svolge anche la revisione legale.

Sarà necessario che l’approvazione del bilancio sia accompagnata da una relazione del collegio sindacale il quale affermi di aver svolto sia le funzioni previste dagli artt. 2403 e ss. c.c., che quelle previste dall’art. 2409-bis e che detta relazione sia redatta in conformità alle previsioni dell’art. 14 del DLGS 39/2010.

La circolare in commento, quindi, chiarisce le posizioni discordanti riscontrate in alcune camere di commercio sul punto della certificazione del bilancio da parte delle PMI Innovative. Alcune camere di commercio, infatti, affermavano che il requisito di cui all’articolo 4, comma 1, lett. b), del DL 3/2015, non potesse essere soddisfatto mediante la revisione legale svolta ai sensi dell’articolo 2409-bis, comma 2, del codice civile (revisione legale affidata al collegio sindacale), essendo in ogni caso necessario l’intervento di un revisore legale o di una società di revisione legale.

Tale ultima impostazione, non condivisibile ed ora chiarita, avrebbe comportato, in danno alle PMI Innovative, un maggior costo economico della certificazione di bilancio. La stessa, inoltre, sarebbe stata, nella sostanza, svolta due volte: una volta dal Collegio Sindacale (incaricato anche della revisione legale) ed una volta dal revisore legale appositamente nominato per il soddisfacimento di tale requisito.