Siamo sempre operativi e possiamo assistervi anche online attraverso Clever Desk

Legge di bilancio 2017

La nuova imposta sul reddito imprenditoriale

La Legge di bilancio 2017 ha finalmente introdotto nel sistema fiscale italiano un nuovo meccanismo di tassazione separata per i redditi d’impresa prodotti dagli imprenditori individuali e dalle società di persone commerciali entrambe in contabilità ordinaria. Nel presente intervento, apparso sul periodico “Bilancio e reddito d’impresa” edito da Wolters Kluwer, dopo un primo excursus storico sulle iniziative legislative che avevano l’obiettivo di introdurre tale meccanismo di tassazione separata, gli autori, Stefano Salvadeo e Emanuele Pucci, analizzano il nuovo art. 55-bis del T.U.I.R., contenente la disciplina dell’IRI, ed i connessi meccanismi applicativi.

L’introduzione nell’ordinamento fiscale italiano dell’IRI rappresenta l’epilogo di un processo che ha visto quattro tentativi di realizzazione non andati a buon fine.

La realizzazione del progetto di equiparazione della tassazione dei redditi d'impresa soggetti a IRPEF con quella dei redditi soggetti all’IRES ha finalmente visto la luce nell’art. 1, commi 547 e 548, della Legge 11 dicembre 2016, n. 232 che ha inserito nel T.U.I.R. l’art. 55-bis rubricato “Imposta sul reddito d’impresa”.

La finalità dell’IRI è “incentivare il reinvestimento degli utili all’interno delle piccole e medie imprese, al fine di agevolare la crescita e lo sviluppo delle attività produttive”. In tale ottica, quindi, la tassazione sarà quella ordinaria allorquando gli utili prodotti o precedentemente reinvestiti saranno prelevati dall’imprenditore individuale o distribuiti dalle società beneficiarie del nuovo regime agevolativo.