Economy

Prove generali di Brexit: così le imprese si attrezzano

Paolo Besio Paolo Besio

Economy - 5 febbraio 2020

Il regime transitorio durerà fino a fine dicembre 2020

Nel frattempo ecco come prepararsi allo scenario peggiore, ristrutturando il proprio business per essere sicuri di non inciampare nelle nuove regole.

Ci siamo: con febbraio è iniziato il regime transitorio. Regno Unito e Unione Europea hanno fino a fine anno per discutere e per trovare un accordo di libero scambio. Ma il percorso sarà decisamente impegnativo e irto di ostacoli, non fosse altro che per ragioni negoziali.

Qualora, alla fine del regime transitorio, l'accordo di recesso fosse approvato da entrambe le parti ma mancasse la definizione dell'accordo di libero scambio, senza un'ulteriore proroga ci si troverebbe in una situazione sostanzialmente analoga a quella di un'uscita del Regno Unito in mancanza di accordo, ovvero una hard Brexit.

Intanto, diversi documenti, elaborati dalla Commissione Europea, identificano le principali materie e, per ciascuna, le attività da compiere, preventivamente, per assicurarsi di continuare ad operare, in presenza del nuovo scenario, nel pieno rispetto delle norme.

 

Rassegna stampa

Economy

EconomyMag