Transfer pricing

Implicazioni del Covid-19 sul transfer pricing

Paolo Besio
By:
Generic illustration
Le “Linee Guida sulle implicazioni della pandemia da Covid-19 sui prezzi di trasferimento” rappresentano la visione comune dei 137 paesi membri dell’Inclusive Framework del progetto BEPS, concernente l’applicazione del principio di libera concorrenza e delle Linee Guida OCSE sui Prezzi di Trasferimento in determinati casi che dovessero sorgere ovvero essere aggravate nel contesto della pandemia da Covid-19.
Paolo Besio, Partner
L’OCSE ha finalmente pubblicato le Guidelines sulle implicazioni della pandemia da Covid-19 sul transfer pricing. Importante sottolineare che esse rappresentano l’orientamento condiviso dei 137 Stati che fanno parte dell’Inclusive Framework. Il documento ribadisce che le TP Guidelines del 2017 già contengono tutti i principi applicabili anche alla situazione straordinaria che stiamo vivendo ma, con questo assunto, fornisce importanti indicazioni in merito alla gestione dell’annualità 2020 ed, eventualmente, di quelle successive ancora influenzate dalla pandemia. L’analisi deve essere fatta caso per caso, poiché la crisi può aver impattato diversamente ciascun contribuente. È importante tenere conto di queste indicazioni: anche se arrivate alla fine del periodo di imposta possono ancora essere validamente considerate ed utilizzate al fine di valorizzare le operazioni intercompany nel rispetto del principio di libera concorrenza e, quindi, di ridurre i margini di discrezionalità e i rischi di contestazione”.

Le linee guida sono utili sia per i contribuenti ai fini della documentazione negli esercizi colpiti dalla pandemia, sia per le amministrazioni finanziarie ai fini della valutazione delle politiche sui prezzi di trasferimento implementate dai contribuenti. Le linee guida fo.rniscono alcuni chiarimenti ed esempi con riferimento all’applicazione pratica del principio di libera concorrenza a quattro aree prioritarie, identificate in consultazione con il ‘Business at the OECD’

Le condizioni economiche eccezionali derivanti dal COVID-19 e le risposte dei governi alla pandemia hanno fatto emergere difficoltà pratiche nell’applicazione del principio di libera concorrenza. Sia per i contribuenti che applicano norme sui prezzi di trasferimento negli esercizi colpiti dalla pandemia da COVID-19, sia per le amministrazioni finanziarie che dovranno valutare tale applicazione è fondamentale avere soluzioni a queste difficoltà pratiche.

Le Linee Guida dell’OCSE sui Prezzi di Trasferimento per le Imprese Multinazionali e le Amministrazioni Fiscali del 2017 (Linee Guida OCSE) sono volte ad aiutare le amministrazioni finanziarie e le imprese multinazionali (“IM”) a trovare delle soluzioni di casi di applicazione dei prezzi di trasferimento che siano soddisfacenti per entrambe le parti e dovrebbero continuare ad essere un documento di riferimento nel condurre un’analisi dei prezzi di trasferimento, quindi anche nelle situazioni potenzialmente eccezionali emerse nel contesto della pandemia.

Di conseguenza, le presenti linee guida esaminano come il principio di libera concorrenza e le Linee Guida OCSES possono essere applicate in casi che possono emergere o essere aggravati nell’ambito della pandemia da COVID-19, piuttosto che fornire delle ulteriori indicazioni specifiche in aggiunta a quelle già delineate nelle Linee Guida OCSE. Le presenti linee guida si concentrano su quattro aree prioritarie: 

  1. analisi di comparabilità;
  2. perdite e allocazione di specifici costi COVID-19;
  3. programmi governativi di assistenza;
  4. procedure di advance pricing agreement (“APA”), laddove è evidente che le ulteriori sfide pratiche causate dalla pandemia siano estremamente significative.