Bilancio e imposte

Il principio di prevalenza della sostanza sulla forma

Giulio Tedeschi Giulio Tedeschi

La nuova formulazione del principio della “prevalenza della sostanza sulla forma” consente di svolgere alcune riflessioni sulla sua portata sia in ambito contabile che in quello fiscale per la derivazione del reddito d’impresa da quello civile, soprattutto alla luce del principio contabile OIC 11 del marzo 2018. Ciò in considerazione del fatto che i principi contabili emanati dall’OIC hanno assunto nel tempo maggior valenza giuridica e quindi anche maggior valenza tributaria.

Il principio della rappresentazione sostanziale

Il D.Lgs. n. 139/2015, in sede di recepimento della Direttiva comunitaria 2013/34/UE, ha profondamente modificato la disciplina del Codice Civile in tema di redazione del bilancio delle società di capitali che non adottano i principi contabili internazionali IAS/IFRS. Per tener conto di tali novità, l’Organismo Italiano di Contabilità (OIC) ha a sua volta provveduto ad aggiornare i Principi contabili di redazione del bilancio.

L’art. 2423-bis, comma 1, numero 1-bis, C.C. dà autonomia a un nuovo postulato generale secondo cui “la rilevazione e la presentazione delle voci è effettuata tenendo conto della sostanza dell’operazione o del contratto”. Mentre la precedente formulazione riguardava “la valutazione”, ora in discontinuità con il passato, si fa riferimento alla “rilevazione e alla presentazione” delle voci in bilancio.

Il tema si inserisce nel solco del comportamento che il redattore debba adottare, privilegiando una rappresentazione sostanziale dei fatti di gestione nel bilancio di esercizio; e per far ciò, anche alla luce del nuovo principio contabile OIC 11, l’attività fondamentale consiste nella preventiva individuazione di diritti, obblighi e condizioni ricavabili dai termini contrattuali delle transazioni e, subito dopo, nel loro confronto con la disposizioni dei principi contabili al fine di accertare la correttezza dell’iscrizione o della cancellazione di elementi patrimoniali ed economici, mettendo così in evidenza il profilo sostanziale dell’operazione.

Ci si domanda come si debba comportare il redattore del bilancio allorché debba concretamente applicare il citato principio della prevalenza della sostanza rispetto alla forma e quindi quali comportamenti operativi seguire e a quali principi contabili poter fare riferimento.

Leggi l'articolo completo (PDF) [ 289 kb ]

Per ulteriori informazioni contattate Giulio Tedeschi o Chiara Limido.