• Certificazione Unica 2019: scadenze

NF 2/2019 - HR & Labour

Come noto, il D.lgs. 175/2014 ha introdotto il modello 730 “precompilato”, che viene messo a disposizione dei contribuenti online da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Tale nuova modalità di predisposizione ed invio del modello 730 ha comportato la necessità da parte dell’Agenzia di venire a conoscenza dei dati reddituali dei lavoratori con largo anticipo, ed ha di conseguenza introdotto a carico dei sostituti d’imposta l’obbligo di invio telematico all’Agenzia delle Entrate delle certificazioni (modello CU – Certificazione Unica) relative sia a percettori di reddito di lavoro dipendente e assimilato, sia a percettori di reddito di lavoro autonomo.

A partire dall’anno 2015, pertanto, la “Certificazione Unica” ha sostituito:

  • il modello CUD, rilasciato ai titolari di reddito di lavoro dipendente e assimilato ed ai pensionati;
  • le certificazioni dei redditi di lavoro autonomo. 

Nell’ottica di un progressivo snellimento del Modello 770 è così notevolmente aumentato il numero di informazioni che l’Amministrazione Finanziaria richiede vengano trasmesse nell’ambito della CU (tra le principali, ad esempio, figurano i dati relativi al TFR, ai conguagli del modello 730 ed i pignoramenti presso terzi).

Ciò ha reso opportuno la predisposizione da parte dell’Agenzia delle Entrate di una doppia struttura del modello, prevedendo:

  • un modello ordinario, contenente il flusso di informazioni da inviare con modalità esclusivamente telematiche;
  • un modello sintetico, che rappresenta la comunicazione da consegnare al lavoratore in forma cartacea o elettronica (spedizione via e-mail ecc.).

Vediamo quali sono le scadenze per la predisposizione, l’invio e la consegna dei modelli nell’anno 2019.

Modello ordinario

L’inoltro telematico delle comunicazioni all’Agenzia delle Entrate deve perentoriamente aver luogo entro il 7 marzo 2019. In caso di omesso, tardivo o errato invio, è prevista l’applicazione di una sanzione pari a € 100 con riferimento ad ogni singola certificazione.

È tuttavia consentito, in caso di mancato o erroneo invio della CU entro tale scadenza, di poter sanare la situazione (senza applicazione di alcuna sanzione) qualora l’inoltro corretto abbia luogo entro i 5 giorni successivi alla scadenza di cui sopra.

Qualora invece la CU venga correttamente trasmessa entro 60 giorni dal termine previsto, è stabilita una riduzione della sanzione, la quale sarà applicata nella sola misura di 1/3 (ossia € 33,33), fino ad un tetto massimo di € 20.000.

Modello sintetico

La consegna delle Certificazioni Uniche ai lavoratori subordinati, parasubordinati ed autonomi deve aver luogo entro il 1° aprile 2019. Tuttavia, diversamente da quanto stabilito per l’invio telematico del modello ordinario, non è prevista l’applicazione di sanzioni in caso di tardiva consegna della CU al lavoratore.

 

Scarica le Notizie Flash di febbraio (PDF) [961 kb]