Modello 231

La gestione del rischio

l D.Lgs. n. 231/2001 prevede la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, che si applica a tutti gli enti forniti di personalità giuridica e alle associazioni, anche se prive di personalità giuridica.

Il decreto prevede significative sanzioni, interdittive (quali l’interdizione dall’esercizio dell’attività e la revoca o la sospensione di autorizzazioni e licenze, ovvero il divieto di contrattare con la P.A. o di pubblicizzare i propri beni e servizi) e pecuniarie (che possono arrivare, nei casi più gravi, fino al milione e mezzo di euro), per il caso in cui amministratori, dirigenti e dipendenti commettano, nell’interesse o a vantaggio dell’Ente, uno dei reati da esso previsti.

L’accertamento e la repressione delle violazioni 231 sono di competenza dell’autorità giudiziaria penale.
A breve diverranno fonte di responsabilità amministrativa anche
i reati fiscali di dichiarazione fraudolenta mediante utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e le frodi IVA. L’Ente andrà esente da responsabilità qualora:

• Abbia adottato ed efficacemente attuato un Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo (Modello 231) idoneo a prevenire i reati della specie di quello consumato;
• Abbia istituito un Organismo
di Vigilanza, deputato a curare l’applicazione del Modello.

Grazie ad un team di professionisti dotati di competenze multidisciplinari, in ambito legale (di diritto civile e di diritto penale), tributario e amministrativo, organizzativo nonché informatico, la nostra offerta di servizi si basa sulle migliori prassi di mercato, coprendo efficacemente tutti gli aspetti connessi allo sviluppo ed alla gestione dei Modelli 231.

Leggi il testo completo (PDF) [ 1212 kb ]