Alert

Proroghe per la riscossione e i versamenti da cartella

Il D.L. 15.1.2021 n. 3, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 15.1.2021 n. 11 e recante “Misure urgenti in materia di accertamento, riscossione, nonché adempimenti e versamenti tributari”, ha introdotto un’ulteriore breve sospensione dell’attività di accertamento e riscossione, oltreché dei termini per i versamenti, intervenendo a modificare l’art. 157 D.L. 19.5.2020 n. 34 (“Decreto Rilancio”) e l’art. 68 D.L. 17.3.2020 n. 18 (“Decreto Cura Italia”).

Si illustrano di seguito le misure – già contemplate dai precedenti provvedimenti normativi emanati nel periodo di emergenza sanitaria – come aggiornate con i nuovi termini definiti dal D.L. 15.1.2021 n. 3.

Proroga dei termini di notifica degli accertamenti

Viene prevista un’ulteriore proroga dei termini di notifica degli avvisi di accertamento, degli avvisi di recupero dei crediti d’imposta, degli avvisi di liquidazione e degli atti di contestazione ed irrogazione delle sanzioni (restano esclusi gli avvisi di accertamento ai fini dei tributi locali).

Tali atti impositivi – ove in scadenza nel periodo 8.3.2020 - 31.12.2020 – potranno essere notificati dal 1.2.2021 al 31.1.2022, ferma restando l’emissione entro lo scorso 31.12.2020.

Di conseguenza, entro il 31.12.2020 l’Amministrazione finanziaria deve aver emesso gli accertamenti relativi all’anno 2015 (mod. Unico 2016), in caso di dichiarazione infedele, nonché gli quelli relativi all’anno 2014 (mod. Unico 2015), in caso di omessa dichiarazione. La notifica avverrà però a partire dal 1°.2.2021 e fino al 31.1.2022.

Proroga della sospensione dei termini versamento degli importi dovuti in base a cartelle di pagamento

Viene prorogata di un mese – dal 31.12.2020 al 31.1.2021 – la sospensione dei termini di versamento degli importi dovuti in base a cartelle di pagamento e delle rate da dilazione dei ruoli ex art. 19 D.P.R. 602/1973, scaduti nel periodo 8.3.2020 - 31.12.2020.

I versamenti oggetto di sospensione devono essere effettuati in unica soluzione entro il mese successivo al termine del periodo di sospensione, dunque entro il 28.2.2021.

La sospensione vale altresì per gli avvisi di addebito INPS, per gli accertamenti esecutivi emessi dai Comuni e dagli altri Enti locali, per le ingiunzioni fiscali e per gli accertamenti doganali.

Proroga della sospensione del blocco dei pagamenti delle Pubbliche Amministrazioni

Viene prorogata di un mese – dal 31.12.2020 al 31.1.2021 – la sospensione della procedura di blocco del pagamento da parte della P.A. in caso di importi iscritti a ruolo per somme superiori a € 5.000.

Proroga della sospensione dei pignoramenti dell’Agente della Riscossione su stipendi e pensioni

Il termine finale della sospensione delle attività di riscossione e cautelari (pignoramenti, ipoteche, fermi), nonché per l’adempimento degli obblighi derivanti da pignoramenti presso terzi di salari, stipendi e pensioni, è differito dal 31.12.2020 al 31.1.2021.

Proroga dei termini di decadenza e prescrizione per l’attività di riscossione

Il termine finale per la notifica delle cartelle di pagamento conseguenti agli avvisi bonari da liquidazione automatica, alle comunicazioni di liquidazione IVA e al controllo formale delle dichiarazioni presentate per gli anni 2016 (mod. Unico 2017) e 2017 (mod. Unico 2018), è prorogato di un ulteriore mese (13 mesi in tutto).