teatro Siracusa
Quest’anno Grant Thornton, member firm di Grant Thornton International Ltd, sostiene l’attesissima stagione teatrale del Teatro Greco di Siracusa grazie al suo contributo a favore di INDA, fondazione culturale celebre per l'organizzazione di rappresentazioni classiche presso l’antico teatro siciliano nell’ambito dell’iniziativa “Mecenati del Centenario INDA  2021”.
Contents

Un sostegno considerevole in un anno di grande importanza, non solo per la ripartenza delle rappresentazioni classiche al Teatro Greco dopo un lungo periodo di chiusura a causa delle restrizioni dovute dalla pandemia, ma anche per la ricorrenza del centenario della ripresa delle rappresentazioni classiche al Teatro Greco di Siracusa dopo la Prima guerra mondiale e l'epidemia di Spagnola.

Da sabato 3 luglio, infatti, il fascino e la magia del Teatro Greco di Siracusa tornano in scena con il debutto di “Coefore Eumenidi” di Eschilo (3 luglio) e di “Baccanti” di Euripide (4 luglio), e con una nuova mostra multimediale “Orestea atto secondo. La ripresa delle rappresentazioni classiche dopo la Grande Guerra e l’epidemia di Spagnola”, che resterà aperta al pubblico fino al 30 settembre 2022, per poi girare in altre città italiane e straniere.

“Siamo davvero orgogliosi di contribuire alla ripresa delle rappresentazioni classiche del Teatro Greco di Siracusa, simbolo del nostro passato e dalla cultura classica – commenta Alessandro Dragonetti, Partner di Grant Thornton – il nostro contributo vuole essere un sostegno concreto al mondo teatrale, uno dei settori più colpiti dalla pandemia e che rappresenta una grande risorsa culturale ed economica per il nostro Paese”.

“Con soddisfazione sosteniamo la riapertura della stagione teatrale del Teatro di Siracusa, che risponde alla nostra filosofia aziendale di attenzione e valorizzazione del patrimonio storico e culturale. Oggi più che mai – spiega Fabio Gallassi, Partner di Grant Thornton - la cultura rappresenta un asset strategico nel suo ruolo di vettore di coesione sociale, direttrice fondamentale per la ripartenza e per guardare al futuro con maggiore ottimismo”.