Siamo sempre operativi e possiamo assistervi anche online attraverso Clever Desk

article banner
Circolare

La "rottamazione" dei ruoli

Giulio Tedeschi Giulio Tedeschi
Checklist icon

Si sintetizzano le novità introdotte con la c.d. “rottamazione delle cartelle” (art. 6, D.L. n. 193 del 22/10/2016 – G.U. n. 249 del 24/10/2016).

Ambito soggettivo

Possono beneficiare del provvedimento tutti i soggetti che hanno cartelle di pagamento relative a ruoli affidati all’agente di riscossione dal 2000 al 2015.

Se beneficiano di un piano di rateizzazione si deve dimostrare di aver adempiuto agli obblighi dal 01/10/2016 al 31/12/2016.

Se è stato promosso un giudizio presso le Commissioni tributarie si deve rinunciare al procedimento.

Ambito oggettivo

Esclusioni

  • IVA all’importazione
  • Recupero aiuti di Stato
  • Condanne della Corte dei Conti
  • Multe, le ammende e le sanzioni pecuniarie dovute a seguito di provvedimenti e sentenze penali di condanna
  • Sanzioni amministrative per violazioni al Codice della strada

Oggetto della definizione

L’adesione alla rottamazione implica il pagamento degli importi iscritti a ruolo, espuntando dal carico: interessi di mora, sanzioni; somme aggiuntive.

Vanno quindi versati: capitale e interessi – oggi maturati a favore dell’agente della riscossione e rimborsi spese.

Adempimenti per aderire

Va presentata un’istanza entro il 23/01/2017.

Tale istanza deve prevedere la rinuncia a procedimenti giudiziari.

Consente la sospensione delle procedure di esecuzione nei confronti dell’interessato.

Entro il 24/04/2017 Equitalia comunica gli importi da versare e le relative scadenze con termine massimo di pagamento dell’ultima rata al 15/03/2018.

Il pagamento deve essere effettuato entro il 15/03/2018.

Ulteriori note

Il provvedimento è in vigore dalla data di pubblicazione del Decreto Legge (24 ottobre 2016).

Trattandosi di Decreto Legge – peraltro – potrebbero aversi modifiche alla normativa in sede di conversione in legge (da realizzarsi nei 60 giorni successivi alla sua entrata in vigore).

I nostri suggerimenti

Vi consigliamo:

  • di fare un inventario delle posizioni individuali
  • di contattare e fissare un incontro con un nostro professionista per analizzare la situazione e definire le eventuali azioni da attivare.