Editoriale NF 11/2018

Premio Open Innovative PMI: i vincitori

Alessandro Dragonetti Alessandro Dragonetti

Si è tenuta il 15 novembre a Roma, presso il Centro Studi Americani, la cerimonia di premiazione del concorso “Open Innovative PMI”, indetto da Bernoni Grant Thornton, rivolto alle PMI Innovative italiane. Nel corso della mattinata è stata presentata la 2° edizione del report (PDF) [688 kb] dell’Osservatorio dedicato a questo particolare comparto di imprese, realizzato da Bernoni Grant Thornton in collaborazione con l’Università di Pisa.

Al convegno hanno preso parte Maurizio Grosso, Consigliere Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, Caron De Mars, Science Counselor dell’Ambasciata USA a Roma, Giulio Greco, docente del Dipartimento di Economia e Management dell’Università di Pisa e coordinatore dell’Osservatorio sulle PMI innovative.

Il Premio e l’Osservatorio fanno parte di un più ampio progetto che mira ad analizzare e supportare questa tipologia di imprese tipica del tessuto imprenditoriale del nostro Paese, ma ancora poco conosciuta. L’iniziativa ha l’obiettivo di sostenere le PMI innovative, facilitando la conoscenza dei vantaggi previsti dalla vigente normativa (di natura fiscale, societaria e finanziaria), e di aiutarle a crescere, ancheattraverso specifici percorsi di accompagnamento.

Le candidature delle aziende partecipanti alla 2° edizione del premio sono state valutate da una Giuria indipendente, formata da: Massimo Miani (Presidente CNCDCEC), Barbara Angelini (CNR), Giulio Greco (Università di Pisa), Marco Cerù (Presidente ANDAF, sezione Centro-Sud) e Paolo Poletti (Presidente Securitalia Security Solutions).

I vincitori di questa seconda edizione del premio, per le tre categorie in gara, sono:

  • Technology&Research: EntsorgaFin S.p.A.

    Trasformazione dei rifiuti in nuove risorse - Tortona (AL, Piemonte)
    Il gruppo Entsorga si occupa di soluzioni ad alto valore tecnologico e a basso impatto ambientale, per trasformare i rifiuti in nuove risorse. Una sfida che vent’anni fa Entsorga ha colto, puntando sulla ricerca e sviluppo di soluzioni innovative per recuperare e smaltire i rifiuti e opera come incubatore di idee e progetti tecnologici capaci di aumentare l’efficienza e ridurre i consumi energetici. Tutte le tecnologie sviluppate dal gruppo si ispirano a principi comuni, per trovare soluzioni di trattamento semplici, automatizzabili e sostenibili. Fatturato 2.9 M (2016), 7.9 M (2017); 11 dipendenti (47% laureato), 3% del fatturato investito in R&S.
  • 10+ Years: Delta S.r.l.

    Produzione di lavelli da cucina in materiale composito - Montecassiano (MC, Marche)
    Appartenente al Gruppo Plados-Delta, uno dei principali fabbricanti mondiali di lavelli da cucina in materiale composito, la società vende i propri prodotti attraverso il marchio Telma. Nel 2013 ha installato il nuovo impianto completamente automatizzato che può essere utilizzato anche per la produzione di materie prime per altre applicazioni (piani top, lavabi, vasche da bagno e docce). Nel suo laboratorio tecnologico operano sia figure interne altamente specializzate nel campo della chimica, sia figure esterne collegate e coordinate dalle Università locali, partecipando anche a numerosi progetti di ricerca finanziati con fondi UE. Delta è stata una delle prime aziende della Regione Marche ad aver ottenuto la certificazione di PMI Innovativa e nel 2014 ha intrapreso un importante processo di internazionalizzazione. Fatturato 10.9 M (2016), 11.7 M (2017); 67 dipendenti, 3% del fatturato investito in R&S.
  • Young Player: Energy Way S.r.l.

    Data science, consulenza tecnica - Modena (MO, Emilia Romagna)
    Energy Way è una società di data science formata da matematici, ingegneri, esperti in intelligenza artificiale con PhD in università internazionali e che compaiono nei ranking delle testate che si occupano di innovazione. Fondata 4 anni fa a Modena dal giovane imprenditore Fabio Ferrari, conta nel suo organico oltre 20 figure under 30. La società ha messo a punto modelli matematici innovativi al servizio dell’efficienza e della sostenibilità delle imprese e collabora con partner come Google e IBM, con accesso alle loro librerie specializzate. Fatturato 890 mila (2016), 1.5 M (2017); 13 dipendenti e 20 figure tra data scientist ed esperti di intelligenza artificiale, 3% del fatturato investito in R&S.

Le tre aziende, che si sono distinte per capacità di innovare, di ottenere risultati economici in Italia e all’estero e di adottare modelli di impresa vincenti, si sono aggiudicate, oltre al riconoscimento formale, anche un contributo per l’assistenza professionale da parte di Bernoni Grant Thornton, che le aiuterà a proseguire nel loro percorso di sviluppo sul mercato, nonché a trovare – se necessario – nuovi investitori.

Al prof. Giulio Greco è stata affidata la presentazione del report 2018 dell’Osservatorio, che analizza le dinamiche demografiche, economico-patrimoniali, organizzative e strategiche delle PMI Innovative. Si tratta di un parterre composto, alla data del 24 settembre 2018, da 877 aziende (+35% rispetto al 30 settembre 2017).

Se la rilevazione del 2017 mirava a fornire una prima rappresentazione del settore, il report 2018 punta a identificare le tendenze evolutive osservando le 230 nuove imprese iscritte al registro.Lo scorso anno era emerso che il 79% delle PMI Innovative era rappresentato da S.r.l., che la maggioranza operava nel settore dei servizi e che il 59% aveva un valore della produzione inferiore al milione di euro, mentre solo il 7,6% superava i 10 milioni. Nel 2017 inoltre, risultavano consistenti gli investimenti in ricerca e sviluppo: l'88% delle imprese investiva oltre il 3% in innovazione.

Uno scenario confermato anche nel 2018, specialmente nella composizione e distribuzione geografica dei nuovi iscritti, ma con dinamiche economiche che evidenziano qualche difficoltà.

Le 230 imprese iscritte al registro delle PMI innovative tra il 1° dicembre 2017 e il 30 settembre 2018 operano infatti per il 65% nel settore dei servizi, per il 28% nell’industria/artigianato e per il 6% nel commercio. Il livello di “anzianità” delle aziende si attesta su una media di 8 anni. Unendo questo dato a quelli relativi al fatturato (oltre il 25% delle aziende presenta ricavi inferiori ai 250.000 euro) il report evidenzia una crescita lenta, in contraddizione con la natura stessa delle PMI Innovative, specialmente se basata su elementi di innovazione industriale di prodotto, servizio o processo.

La distribuzione geografica delle nuove PMI Innovative si concentra ancora una volta in Lombardia (29%), seguita da Piemonte (13%), Veneto (10%), Lazio, Emilia-Romagna e Marche (circa il 7% per ciascuna regione).

Se si guarda l’intero universo delle PMI Innovative si osserva che il fatturato cresce in media del 28% y/y, rispetto alla crescita del 66% y/y registrata nel 2017; inoltre, il 47% delle aziende ha realizzato nel 2017 un fatturato inferiore al milione di euro (ossia circa il 13% in meno rispetto a quanto osservato nel 2016, pari al 60%). Il valore medio del patrimonio netto delle imprese innovative supera i 2,7 milioni di euro, ma più della metà delle società che presentano una situazione di deficit patrimoniale sono quelle con fatturato inferiore ai 500 mila euro.

Alessandro Dragonetti, Co-Managing Partner e Head of Tax di Bernoni Grant Thornton, commenta:

«La 2° edizione del report dell’Osservatorio Open Innovative PMI mostra come, a quasi quattro anni di distanza dall’introduzione della disciplina agevolativa, il numero di imprese iscritte nell’apposito registro non raggiunge ancora le 1.000 unità e i primi nove mesi del 2018 evidenziano un numero di iscrizioni in calo rispetto al 2017.

Ciò potrebbe essere causato anche dalla mancanza di un’adeguata conoscenza dei benefici ottenibili con l’iscrizione al registro.

Per rilanciare e supportare questa tipologia di aziende, così importante per il tessuto imprenditoriale del Paese, è necessario favorire l’ingresso di investitori istituzionali che possono dare stabilità e managerializzazione nelle aziende, ma anche costruire un patent box facilitato e incentivare la presenza femminile/giovanile ideando una disciplina del lavoro a misura di PMI innovative».

Come evidenziato dal prof. Giulio Greco nel corso della tavola rotonda, gli incentivi fiscali dell’attuale assetto normativo sono concentrati più sulla dotazione di capitale che non sulla produzione di reddito. Incentivare la presenza femminile o giovanile nella compagine azionaria delle PMI Innovative, che oggi rimane limitata, potrebbe rivelarsi invece di grande utilità, visto che questo tipo di presenza è spesso associata alla dotazione di brevetti e intangibili di valore.

Open Innovative PMI - i vincitori della 2° edizione

PMI innovative
Open Innovative PMI Visita il sito dedicato
Open Innovative PMI Prima edizione 2017 Scopri i vincitori della 1° edizione
NF 11/2018 Notizie Flash novembre 2018 Scarica le Notizie Flash (PDF) [974 kb]