IBR

Ricavi in crescita ma export ancora debole

Un’azienda su tre prevede di assumere nei prossimi 12 mesi.

L'International Business Report di Grant Thornton, condotto su 36 economie, mette in evidenza un miglioramento nelle aspettative di crescita dei ricavi delle imprese a livello mondiale per i prossimi 12 mesi. Le aspettative sulle esportazioni sono invece più basse, con un effetto sui ricavi delle società di dipendere principalmente dalla spesa in consumi interni. Quale che sia la forza reale di spesa dei consumatori, questa è ora minacciata da alcuni fattori macroeconomici internazionali.

Tra i fattori macroeconomici internazionali, alcuni inaspettati, che remano contro e da non sottovalutare nei prossimi mesi, vale la pena citare: la crescente incertezza politica ed economica generata da più aree geografiche contemporaneamente. Dall’Inghilterra post Brexit, all’empasse politica spagnola, alle debolezze economiche e di integrazione sociale in Francia, al tentato golpe in Turchia, alle imminenti elezioni americane, agli efferati drammatici attentati terroristici nel cuore dell’Europa, alla ripartenza dei prezzi del petrolio, alla revisione al ribasso delle politiche salariali.

Ciò detto, in quest’ultimo International business report (IBR) di Grant Thornton - con interviste a 2.500 ceo, presidenti e alti dirigenti di 36 paesi, tra cui l’Italia - emergono anche elementi positivi o in via di miglioramento, come ad esempio il fatto che la mancanza di domanda di lavoratori specializzati potrebbe invertire il trend negativo nelle politiche retributive, con benefici su occupazione, potere di spesa dei lavoratori e delle famiglie, ricavi per le imprese.

In Italia si aggiungono altri fattori condizionanti e di instabilità, come quelli derivanti dal prossimo referendum costituzionale e quelli legati alle politiche comunitarie e pubbliche per affrontare la massa di crediti deteriorati delle banche e la maggiore prevalenza in Italia, rispetto ad altri paesi europei, di investitori privati possessori di bond subordinati.



Nel rapporto Grant Thornton del secondo trimestre 2016 le aspettative dei 2.500 leader intervistati per i prossimi 12 mesi appaiono in crescita a livello mondiale in termini di ricavi (46% del campione, + 11% verso 1mo trimestre), dei prezzi di vendita (21%, +4%), della profittabilità (36%, +6%). Per Unione Europea e Italia le aspettative positive sono rispettivamente per i ricavi al 43% (+ 3%) e al 38% (+4%), per i prezzi di vendita a 15% (+8%) e 8% (+10%), per profittabilità a 31% (+3%) e 28% (+4%). Al tempo stesso, per l’export le aspettative di incremento sono più fiacche per il prossimo anno. Per UE vale il 20% delle risposte (-2%) mentre per l’Italia 18% (-6%).


Riguardo ai dati del nuovo rapporto Grant Thornton sul fronte dell’occupazione, le aspettative su nuove assunzioni nell’area UE si attestano al 27% del campione intervistato (+2% rispetto al 1mo trimestre), mentre con una nota positiva di fiducia per l’Italia il dato è più favorevole per 30% del campione, con un incremento percentuale di ben 16 punti rispetto al primo trimestre.

Tra le nuove sfide che attendono la business community quelle legate ai trattati commerciali e ai negoziati UE in corso con USA e Cina. Sarà importante arrivare velocemente a nuovi accordi che facilitino lo scambio commerciali tra i paesi e al tempo stesso tutelino le eccellenze nazionali, tra cui spiccano quelle italiane apprezzate nel mondo. Se ciò non dovesse accadere i piani di sviluppo di lungo periodo delle aziende potrebbero essere condizionati negativamente.

 

Articolo
I manager credono nella ripresa Leggi l'articolo
Articolo Previsioni 2016: export debole per le imprese ma più voglia di assumere Leggi l'articolo