IT EN
Brexit

Londra al bivio. La Brexit costerà fino a 100 miliardi

Paolo Besio Paolo Besio

La Brexit può essere un’opportunità, ma solo se l’UE saprà adottare policy chiare e convenienti.

Paolo Besio è intervenuto sul tema della Brexit alla vigilia delle elezioni anticipate nel Regno Unito con un articolo apparso il 1 giugno sul magazine trimestrale Advisor Private.

“In tutta Europa il tema della Brexit è sempre all’ordine del giorno, sia che si parli di minacce che di opportunità" commenta Besio. “Un tema fondamentale è quello del costo della Brexit. Se le stime iniziali parlavano di circa 60 miliardi, alcune voci rilanciano sui 100 miliardi di euro che il governo britannico dovrebbe pagare per dare seguito all’esito del referendum del giugno scorso.”

“Sotto il punto di vista fiscale” continua Besio, “è importante sottolineare come l’introduzione, da parte del Regno Unito, di regimi fiscali preferenziali o aiuti di Stato, che si configurerebbero come concorrenza sleale nei confronti dell’Unione Europea, potrebbero portare al non raggiungimento di un accordo. […] Ciò che sta spingendo i grandi gruppi bancari a delocalizzare verso altre capitali europee, però, è più che altro il clima di incertezza. Un documento dell'Unione Europea recentemente pubblicato, esamina proprio come l'incertezza fiscale possa danneggiare gravemente il business e come i governi debbano adottare policy fiscali chiare e certe nel minor tempo possibile”

Per quanto riguarda la situazione italiana in questo contesto, “secondo l’indice elaborato da Standard & Poor’s (Brexit sensitivity index), le imprese italiane non sono particolarmente esposte verso quelle del Regno Unito, tuttavia […] non c’è da festeggiare. Il tema della certezza delle politiche fiscali, ancora una volta, si dimostra fondamentale per essere attrattivi nei confronti di investimenti esteri. Le ultime iniziative legislative, nazionali e internazionali, come la Cooperative Compliance, gli accordi preventivi e il Patent Box, possono essere un buon punto di inizio per aumentare la nostra attrattività. La Brexit effettivamente può rappresentare un’opportunità, ma solo se sapremo adottare policy fiscali e giuridiche chiare e convenienti” conclude Besio.

Leggi l'articolo
Download PDF [ 211 kb ]