IT EN
VAT Alert

Comunicazione dati fatture: termine posticipato al 28/09

Simonetta La Grutta Simonetta La Grutta

Con il Comunicato stampa n. 147 di oggi, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha confermato che il termine per la trasmissione delle Comunicazione Dati delle Fatture, relativa al primo semestre 2017, è posticipato dal 16 settembre al 28 settembre 2017.

La proroga è prevista da un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell’Economia e delle Finanze, di prossima pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

L’art. 4, comma 1 del D.L. 193/2016, riformulando l’art. 21 del DL 78/2010, ha previsto, a partire dal 2017 un nuovo obbligo a carico dei soggetti passivi IVA, in base al quale questi sono tenuti a comunicare, su base trimestrale, i dati relative alle:

  • fatture emesse;
  • fatture ricevute e registrate;
  • note di variazione emesse;
  • note di variazione ricevute;
  • bollette doganali.

I dati, da prodursi in forma analitica, devono essere trasmessi secondo le specifiche tecniche di cui al Provv. del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 27 marzo 2017 n. 58793.

In sede di prima applicazione, per il solo anno d’imposta 2017, è stato previsto che la trasmissione avvenga su base semestrale, e non su base trimestrale.

Il termine relativo al primo semestre 2017, inizialmente previsto per il 16 settembre 2017 (automaticamente rinviato al 18 settembre, in base alle regole generali, poiché il termine originario cade di sabato), è oggetto della proroga di cui trattasi.

Resta confermato il termine del 28 febbraio 2018 per la presentazione della Comunicazione Dati delle Fatture relativa al secondo semestre 2017.

Resta, inoltre, confermato il termine del 16 settembre (automaticamente rinviato al 18 settembre, in base alle regole generali, poiché il termine originario cade di sabato) per la presentazione della Comunicazione Liquidazioni Periodiche IVA relativa al secondo trimestre 2017 (obbligo istituito dall’art. 4, comma 1 del D.L. 193/2016, che ha introdotto l’art. 21-bis del DL 78/2010).

Leggi l'Alert
Download PDF [ 171 kb ]